Cabras: bagno di sangue a Caracas, se tifiamo per Guaidò

Scritto il 28/2/19 • nella Categoria: idee Condividi Pink 100AuthenticEbay Ii wpk White 2018 Disruptor Fila Fs1hta1074x OiZuTPkX Tweet Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd

E’ evidente che in Venezuela siamo alla fine di un lungo ciclo politico, segnato fin qui dai governi di Chavez e Maduro. Il Venezuela cerca una svolta, e merita di trovarla. Dobbiamo tutti chiederci cosa dobbiamo fare, per assicurare una transizione pacifica, verso un nuovo equilibrio che garantisca tutti ed eviti un immenso bagno di sangue. I due blocchi sono lì, entrambi abbastanza forti da potersi giocare alla pari la partita: o la guerra civile, o la conciliazione nazionale costituzionale. Chi oggi vuole ignorare lo spettro di una guerra civile con risvolti internazionali compie un azzardo politico irresponsabile: tutti i precedenti ce lo dicono, in modo evidente. Più volte abbiamo visto potenze esterne esasperare una crisi, introdursi nel nucleo cesaristico di un potere statale, sgretolarlo e cercare di afferrarne i dividendi fra le macerie. Ma quello che riescono a creare davvero è solo il caos, fatto di infiniti compromessi coi “signori della guerra”. Noi non vogliamo vedere delle milizie che scorrazzano tra le macerie di Caracas con enormi mitragliatrici caricate sui cassoni dei pick-up come abbiamo visto a Baghdad, a Tripoli o ad Aleppo. Non vogliamo una guerra in Venezuela. Il modo migliore di evitarla è la non-interferenza, che è un ottimo principio base delle Nazioni Unite.
A quanti qui a Roma pensano di aver già saputo dirimere le controversie costituzionali a Caracas propongo una constatazione semplice: noi non siamo la Corte Suprema del Venezuela. Siamo invece un paese tenuto a tutelare al meglio i propri cittadini e a rispettare la carta dell’Onu. Riconoscere Guaidò, come presidente già ora pienamente in carica, può avere risvolti politici rilevanti: ne capiamo le ragioni contingenti ma, in termini diplomatici, è un atto impraticabile e incompatibile con gli obiettivi dell’Italia, non riconosciuto né riconoscibile dall’Onu. Guidò non controlla i poteri dello Stato venezuelano, non ha presa sull’amministrazione, non dirige i ministeri, non ha in mano le forze dell’ordine, non ha strumenti per garantire gli impegni internazionali. Il rischio di un riconoscimento prematuro è quello di un vicolo cieco diplomatico, che annichilirebbe le chance per il dialogo e la lascerebbe esposta la comunità italiana in Venezuela a incertezze intollerabili. Da questo aspetto non si scappa.
Nell’immediato, Guaidò può riuscire a esercitare davvero il potere solo in tre modi, che comportano tutti un enorme incremento della violenza: o un’insurrezione militare, o una rivolta popolare armata (che si scontrerebbe con l’altro blocco politico e sociale, che è abbastanza forte) oppure con un intervento straniero. E in effetti l’8 febbraio, in una dichiarazione, Guaidò dice che non esclude la possibilità di autorizzare (attenzione a questa parola: autorizzare) un intervento militare statunitense per aiutare a rimuovere dal Arixia Ginnastica Basse Lacoste Da Negozi Scarpe Biancobuio SzVUqMppotere il presidente Maduro, naturalmente sotto l’eterno ombrello giustificativo di una crisi umanitaria. Ecco perché sostenere le forzature istituzionali per il “regime change” significa facilitare la guerra nelle case dei venezuelani: c’è ancora qualcuno che può pensare che in Venezuela si possano tenere libere elezioni e ci sia una governabilità praticabile, in assenza di un accordo politico fra i due blocchi? E senza il supporto delle organizzazioni internazionali? Servono meccanismi di mediazione approvati dell’Onu, in ossequio all’ordinamento internazionale, con l’obiettivo di una via pacifica e democratica alla crisi del Venezuela, come il faticoso tentativo in atto con il meccanismo di Montevideo.
In questi giorni ci sono state molte polemiche e distorsioni sulla nostra posizione. Siamo ben lontani dal considerare Maduro un modello di qualcosa. Ma una parte della stampa e della politica ragiona così: se non ritieni auspicabile spalleggiare una forzatura istituzionale, allora sei automaticamente un fan entusiasta del presidente. Viceversa, noi non siamo tifosi di nessuno: riteniamo che, in politica estera, sia sbagliato fare il tifo e usare approcci ideologici. E’ molto più utile capire le ragioni del consenso e del dissenso, e capire perché – a sostegno di un potere che si vuole rimuovere con la logica della “debellatio” – si muovono invece forze storiche molto solide, che hanno alleanze internazionali resistenti. La base sociale del chavismo è stata creata negli anni di punta dei prezzi elevati del petrolio. E’ un buon esercizio, leggere i dati economici degli ultimi vent’anni nella scheda-paese del Venezuela compilata dal Fondo Monetario Internazionale.
Ecco, i dati ufficiali non descrivono un paradiso, ma un fenomeno politico notevole, radicato, che ha fondato ex novo uno Stato sociale dentro una rete di relazioni internazionali in cui investivano Cina, Russia e altri paesi. Uno Stato sociale oggi sfiancato dalle sue contraddizioni, degli errori gestionali, da un centro di intermediazione burocratica inadeguato e corrotto, dal calo del prezzo del petrolio e delle sanzioni di Washington, che hanno inciso pesantemente negli ultimi due anni. Si tratta tuttavia di un blocco di interessi ancora consistente, che non sopporterebbe un revanscismo che volesse smantellarlo totalmente, riportando il modello classico dell’America Latina di trent’anni fa: quello di una borghesia esclusivamente orientata al Nord America e indifferente alle disuguaglianze sociali. Dal canto suo, l’opposizione ha solidissimi rapporti con il National Endowment for Democracy, l’ente statunitense che spende ogni anno milioni di dollari (e sono tutti i dati pubblici) per sorreggere il tessuto delle organizzazioni del blocco sociale alternativo venezuelano. Insomma, tutte le grandi potenze sono portatrici di vasti interessi economici e geopolitici, non riducibili alla sola questione – pur ingombrante – del petrolio.
E c’è dell’altro: qualcosa di cui finora nel nostro Parlamento non si è discusso, ma che merita l’attenzione di tutti. La recentissima fine del trattato Inf sui missili nucleari a raggio intermedio può riaprire una pericolosa corsa agli armamenti: le grandi potenze nucleari guardano all’Europa2 Off Adidas E Wqzpox Case Acquista Qualsiasi Uomo Scarpe Ginnastica Y6ybfg7 e ai Caraibi come possibile teatro di dislocazione dei nuovi missili. Non possiamo trascurare questo scenario drammatico, in grado di ridurre a pochi minuti il tempo delle decisioni che possono evitare la catastrofe atomica. L’Europa ha un interesse vitale a costruire un sistema di relazioni internazionali che sia il più lontano possibile dalla “mezzanotte nucleare”, di cui sarebbe la prima vittima. E per fare questo deve ridurre le faglie che si stanno aprendo ormai su troppi fronti interconnessi, incluso questo fronte tropicale. In Venezuela si tenga conto dell’interesse di venezuelani a trovare una via di conciliazione nazionale pacifica, indipendente, attenta alle interdipendenze mondiali e al riconoscimento democratico di tutte le formazioni sociali e politiche del paese. I due polmoni della democrazia del Venezuela devono respirare nello stesso petto.
(Pino Cabras, dichirazioni rilasciate nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati sulla crisi del Venezuela, riprese su YouTube e sul blog “Megachip”. Parlamentare del Movimento 5 Stelle, Cabras è membro della Commissione Affari Esteri della Camera).

E’ evidente che in Venezuela siamo alla fine di un lungo ciclo politico, segnato fin qui dai governi di Chavez e Maduro. Il Venezuela cerca una svolta, e merita di trovarla. Dobbiamo tutti chiederci cosa dobbiamo fare, per assicurare una transizione pacifica, verso un nuovo equilibrio che garantisca tutti ed eviti un immenso bagno di sangue. I due blocchi sono lì, entrambi abbastanza forti da potersi giocare alla pari la partita: o la guerra civile, o la conciliazione nazionale costituzionale. Chi oggi vuole ignorare lo spettro di una guerra civile con risvolti internazionali compie un azzardo politico irresponsabile: tutti i precedenti ce lo dicono, in modo evidente. Più volte abbiamo visto potenze esterne esasperare una crisi, introdursi nel nucleo cesaristico di un potere statale, sgretolarlo e cercare di afferrarne i dividendi fra le macerie. Ma quello che riescono a creare davvero è solo il caos, fatto di infiniti compromessi coi “signori della guerra”. Noi non vogliamo vedere delle milizie che scorrazzano tra le macerie di Caracas con enormi mitragliatrici caricate sui cassoni dei pick-up come abbiamo visto a Baghdad, a Tripoli o ad Aleppo. Non vogliamo una guerra in Venezuela. Il modo migliore di evitarla è la non-interferenza, che è un ottimo principio base delle Nazioni Unite.

A quanti qui a Roma pensano di aver già saputo dirimere le controversie costituzionali a Caracas propongo una constatazione semplice: noi non siamo la Corte Suprema del Venezuela. Siamo invece un paese tenuto a tutelare al meglio i propri cittadini e a rispettare la carta dell’Onu. Riconoscere Guaidò, come presidente già ora pienamente in carica, può avere risvolti politici rilevanti: ne capiamo le ragioni contingenti ma, in termini diplomatici, è un atto impraticabile e incompatibile con gli obiettivi dell’Italia, non riconosciuto né riconoscibile dall’Onu. Guidò non controlla i poteri dello Stato venezuelano, non ha presa sull’amministrazione, non dirige i ministeri, non ha in mano le forze dell’ordine, non ha strumenti per garantire gli impegni internazionali. Il rischio di un riconoscimento prematuro è quello di un vicolo cieco diplomatico, che annichilirebbe le chance per il dialogo e la lascerebbe esposta la comunità italiana in Venezuela a incertezze intollerabili. Da questo aspetto non si scappa.

Nell’immediato, Guaidò può riuscire a esercitare davvero il potere solo in tre modi, che comportano tutti un enorme incremento della violenza: o un’insurrezione militare, o una rivolta popolare armata (che si scontrerebbe con l’altro blocco politico e sociale, che è abbastanza forte) oppure con un intervento straniero. E in effetti l’8 febbraio, in una dichiarazione, Guaidò dice che non esclude la possibilità di autorizzare (attenzione a questa parola: autorizzare) un intervento militare statunitense per aiutare a rimuovere dal potere il presidente Maduro, naturalmente sotto l’eterno ombrello giustificativo di una crisi umanitaria. Ecco perché sostenere le forzature istituzionali per il “regime change” significa facilitare la guerra nelle case dei venezuelani: c’è ancora qualcuno che può pensare che in Venezuela si possano tenere libere elezioniQdwotw Peodoro It Napoli Negozi H0fxhrqw Scarpe Lacoste 5q4LS3cARj e ci sia una governabilità praticabile, in assenza di un accordo politico fra i due blocchi? E senza il supporto delle organizzazioni internazionali? Servono meccanismi di mediazione approvati dell’Onu, in ossequio all’ordinamento internazionale, con l’obiettivo di una via pacifica e democratica alla crisi del Venezuela, come il faticoso tentativo in atto con il meccanismo di Montevideo.

In questi giorni ci sono state molte polemiche e distorsioni sulla nostra posizione. Siamo ben lontani dal considerare Maduro un modello di qualcosa. Ma una parte della stampa e della politica ragiona così: se non ritieni auspicabile spalleggiare una forzatura istituzionale, allora sei automaticamente un fan entusiasta del presidente. Viceversa, noi non siamo tifosi di nessuno: riteniamo che, in Noten Suede Espadrilles Van Cord Dries Trimmed FJclK13Tpolitica estera, sia sbagliato fare il tifo e usare approcci ideologici. E’ molto più utile capire le ragioni del consenso e del dissenso, e capire perché – a sostegno di un potere che si vuole rimuovere con la logica della “debellatio” – si muovono invece forze storiche molto solide, che hanno alleanze internazionali resistenti. La base sociale del chavismo è stata creata negli anni di punta dei prezzi elevati del petrolio. E’ un buon esercizio, leggere i dati economici degli ultimi vent’anni nella scheda-paese del Venezuela compilata dal Fondo Monetario Internazionale.

Ecco, i dati ufficiali non descrivono un paradiso, ma un fenomeno politico notevole, radicato, che ha fondato ex novo uno Stato sociale dentro una rete di relazioni internazionali in cui investivano Cina, Russia e altri paesi. Uno Stato sociale oggi sfiancato dalle sue contraddizioni, degli errori gestionali, da un centro di intermediazione burocratica inadeguato e corrotto, dal calo del prezzo del petrolio e delle sanzioni di Washington, che hanno inciso pesantemente negli ultimi due anni. Si tratta tuttavia di un blocco di interessi ancora consistente, che non sopporterebbe un revanscismo che volesse smantellarlo totalmente, riportando il modello classico dell’America Latina di trent’anni fa: quello di una borghesia esclusivamente orientata al Nord America e indifferente alle disuguaglianze sociali. Dal canto suo, l’opposizione ha solidissimi rapporti con il National Endowment for Democracy, l’ente statunitense che spende ogni anno milioni di dollari (e sono tutti i dati pubblici) per sorreggere il tessuto delle organizzazioni del blocco sociale alternativo venezuelano. Insomma, tutte le grandi potenze sono portatrici di vasti interessi economici e geopolitici, non riducibili alla sola questione – pur ingombrante – del petrolio.

E c’è dell’altro: qualcosa di cui finora nel nostro Parlamento non si è discusso, ma che merita l’attenzione di tutti. La recentissima fine del trattato Inf sui missili nucleari a raggio intermedio può riaprire una pericolosa corsa agli armamenti: le grandi potenze nucleari guardano all’Europa e ai Caraibi come possibile teatro di dislocazione dei nuovi missili. Non possiamo trascurare questo scenario drammatico, in grado di ridurre a pochi minuti il tempo delle decisioni che possono evitare la catastrofe atomica. L’Europa ha un interesse vitale a costruire un sistema di relazioni internazionali che sia il più lontano possibile dalla “mezzanotte nucleare”, di cui sarebbe la prima vittima. E per fare questo deve ridurre le faglie che si stanno aprendo ormai su troppi fronti interconnessi, incluso questo fronte tropicale. In Venezuela si tenga conto dell’interesse di venezuelani a trovare una via di conciliazione nazionale pacifica, indipendente, attenta alle interdipendenze mondiali e al riconoscimento democratico di tutte le formazioni sociali e politiche del paese. I due polmoni della democrazia del Venezuela devono respirare nello stesso petto.

(Pino Cabras, dichirazioni rilasciate nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati sulla crisi del Venezuela, riprese su YouTube e sul blog “Megachip”. Parlamentare del Movimento 5 Stelle, Cabras è membro della Commissione Affari Esteri della Camera).

Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd
Tag: ,

Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd

, , , , , , , , , , , , , , Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd, , , , , , , , , , Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd, , , , , Halen Eddie – Evh® Merch Van Official Shoes Yy7f6gb, , , , , , equilibrio, errori, esasperazione
, Europa, Fmi, forzature, forze dell'ordine, geopolitica, golpe, governabilità, greggio, guerra civile, Hugo Chávez, ideologia, imperialismoOnline sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd, indifferenza, Inf, insurrezione, interessi, interferenze, investimenti, Iraq, istituzioni, Italia, Juan Guaidò, libertà, LibiaOnline sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd, M5S, macerie, mainstream, media, mediazione, Megachip, militari, miliziani, missili, Montevideo, movimento 5 stelle, National Endowment for Democracy, Nazioni Unite, Nicolas Maduro, Nord America, nucleare, Onu, opposizione, pace, Paradiso, Nero Q11 Bugatti Bu112o01b Scarpe Guida Uomo Alle Sneakers Taglie rxdBtsChQParlamento, pericolo, petrolio, Pino Cabras, politica, popolo, Outlet Vans Blu Skool Va2r1080 Milano Old Scarpe Tela Basse UzVSpqMGPotenze, potere, poveri, prezzi, regime change, responsabilità, revanscismo, riarmo, riconciliazione, rischio, risorse, rispetto, rivolta, Roma, Russia, sangue, sanzioni, signori della guerra, Siria, socialePlatform Vans Sneakers Nero 0 Scarpa 2 Authentic Syh0nh Donna Basse 0P8kOnw, stampa, Stato, Sudamerica, transizione, Trattato Inf, Tripoli, Commerce 2 Fila BiancaPellizzari Premium Sneaker Disruptor E yvI7mYfb6gtutela, Uruguay, Usa, Venezuela, violenza, vittime, Washington, welfare, YouTube

2 Commenti

  1. Questo signore dimostra di non conoscere nè i fatti o meglio i crimini in corso in Venezuela , nè tantomeno la carta costituzionale del Venezuela. Il popolo venezuelano è in ostaggio di una narco-ditattura che costituisce anche un problema di sicurezza per tutta la regione. I venezuelani muoiono per mancanza di cibo e di medicine ogni giorno.
    I dati macroeconomici del Venezuela sono diventati sempre più drammatici con il crollo del prezzo del petrolio e dopo la nazionalizzazione di PDVSA (dal 1999 c’era ancora Chavez) che è diventata sempre più improduttiva. E’ sconvolgente come il mondo possa assistere impotente al genocidio di un popolo. Non si può ignorare l’usurpazione del Sig. Maduro e dei suoi delinquenti e sodali di ogni legge e di ogni diritto.
    Non prendere una posizione a favore di un cambiamento radicale è “de facto” essere complice di una cricca di assassini che continuano ad uccidere.
    Quanto al Diritto Internazionale, il discorso si farebbe lungo, L’on Cabras dovrebbe ricordare la Carta ONU che contempla gli interventi della comunità internazionale in caso di Violazioni dei diritti Umani in un paese ed il fatto che è in corso dal primo insediamento del Sig. Maduro l’occupazione militare indiretta di Cuba con oggi stimati 22.000 agenti operativi in Venezuela.
    Consiglio all’onorevole Cabras di documentarsi sul materiale che testimonia l’uso della tortura contro i prigionieri politici alla prigione dello Helicoide in Caracas da parte degli agenti del SEBIN e dei loro consiglieri cubani. A tal riguardo menziono il caso dell’on. Juan Requesens, imprigionato nonostante l’immunità parlamentare prevista dal dettato costituzionale vigente e le violazioni giudiziarie e le torture documentate (ci sono anche dei video) di cui è stato oggetto.
    Cosa c’entra poi menzionare i trattati missilistici sospesi con la vicenda venezuelana, sinceramente non si capisce…..

  2. Gio rgioOnline sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd
    28 febbraio 2019 • 20:00

    Chissà da che cure psichiatriche è fuggito ’sto Pino Cabras, non a caso appartiene al M5s.
    Se non siamo in grado di gestire la nostra casa e la nostra famiglia come possiamo pensare di concorrere a gestire quelle degli altri? Solo se si è particolarmente presuntuosi ed arroganti.
    Poi porre una qualsiasi fiducia sulle organizzazioni internazionali significa mancanza totale di consapevolezza.
    Quanto a pensare di unire le forze politiche in Europa equivale a fermare un treno con uno sputo, si hanno le stesse probabilità di far cambiare opinione agli yankee.
    Dopo la DC ed il PD credevo non si potesse scendere più in basso ma mi sbagliavo clamorosamente, sono arrivati i grullini che per sovrammercato vogliono far entrare la Turchia nella comunità europea.

Commenta

Elimina Risposta

Serravalle Sandali camper 3763455 Nero Uomo Camper Outlet scarpe SUMpGqVz

Boots Scarpe K300029 Hardwood Uomo Goretex Irx5wtszqx Camper Yxk0049366 1K3FTlcJ

Libri
Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd

Amazon Fila Argento Amazon itScarpe itScarpe Amazon itScarpe Fila Argento Fila ynO8PNvm0w

Articoli collegati

    Scuola di golpe: è nato in Serbia l'oscuro progetto Guaidò
    Gas, l'Eni sfratta il Belgio dal Venezuela: perciò ci odiano
    Gli Usa vogliono il Venezuela, ma il popolo (86%) si oppone
    Galloni: follia, invadere il Venezuela. Come salvare il paese
    Chavez fu ucciso, ma ora è Maduro a uccidere il Venezuela
Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd
Condividi Libre
Follow @libreidee
 

Pagine

  • Blind Wine
  • Chi siamo
  • Contatti
  • Pubblicità su Libreidee.org
  • Siberian Criminal Style
  • UNA VALLE IN FONDO AL VENTO

Link

  • BLIND WINE
  • Cadavre Exquis
  • Centro Studi Ambientali
  • Hammam Torino
  • Il Cambiamento
  • DonnaFino Da Stylight Scarpe A −29Su Cat uOXPikZ
  • Libre scrl
  • Movimento per la Decrescita Felice
  • Neuma
  • Nicolai Lilin
  • Penelope va alla guerra
  • Online sandali Lacoste scarpe ScarpeMade In Italy Uomo stQrChd
  • Rete del Caffè Sospeso
  • Rialto Sant’Ambrogio
  • Rubamatic
  • Shake edizioni
  • TYC
© 2019 LIBRE • Realizzato con da Libre scMilano Classiche NegoziDonna 20848 Peu Camper Basse 020 Cami MVSqzpUG